Perché ho scelto il latte vegetale

Ho iniziato a non digerire più il latte vaccino nel periodo adolescenziale. Sono passata così per un periodo al latte ad alta digeribilità, senza lattosio ecc… trovandomi poi a rifiutare anche quello. Il mio corpo continuava a non digerirlo, oltre ad essere nauseato solo a sentire l’odore. Di conseguenza ho cambiato le mie abitudini alimentari e ho scoperto le bevande vegetali, un perfetto sostituto del latte vaccino. Anche per mia figlia di 3 anni ho scelto questa soluzione dopo l’anno. Lei è stata allattata fino ai 5 mesi per poi proseguire con il latte in polvere fino al raggiungimento dell’anno di vita.

Perché “no” al latte di mucca?

Basta pensare che siamo gli unici mammiferi che dopo lo svezzamento continuano ad assumere latte e per di più di un altro animale. Vi siete mai chiesti da dove arriva il latte vaccino? Iniziamo dall’allevamento intensivo. Non esiste una Direttiva europea che fissi degli standard minimi per la protezione delle mucche da latte. Una mucca che allatta produce circa 4 litri di latte al giorno, una mucca da latte produce circa 28 litri di latte al giorno per circa 10 mesi. A causa di questi ritmi forzati le mucche sono molto deboli e l’aspettativa di “vita produttiva” è molto breve. Dopo la terza lattazione vengono abbattute. Allo stato naturale una mucca vivrebbe 20 anni. Per produrre abbastanza latte le mucche devono partorire un vitello all’anno. Appena nato il vitello viene separato dalla mamma, un dolore straziante per entrambi difatti che sono molto legati. Il vitello viene allattato artificialmente, ma ciò comporta un sistema immunitario debole. I vitelli vengono volutamente resi anemici per avere una carne bianca, preferita dai consumatori. Il loro destino è il macello.

Vi siete mai domandati se il latte vaccino, destinato ad un vitello, potesse andare bene per un bambino? Il quantitativo nutrizionale è diverso per ogni animale, in quanto ognuno ha una la sua composizione anatomica e biologica specifica. Il fabbisogno giornaliero di calcio in un essere umano è di circa 300 mg al giorno, andando oltre, la sua assunzione non è più benefica.

Perché preferire il latte vegetale?

I motivi che spingono una persona a fare questa scelta possono essere di tipo salutistico o per ragioni etiche. Come sottolineava il professor Spisni, tuttavia, il latte di origine animale non è un alimento indispensabile e può essere eliminatodalla dieta oppure sostituito da altre bevande. Il latte vegetale si può ricavare dai legumi, dai cereali o dalle noci. Personalmente vario molto, solitamente faccio a rotazione: soia, riso, avena e alle volte mandorla. Quelli di mandorla e cocco sono più dolci, ottimi per preparare qualche dolce, mentre per la mia bambina uso di più i primi tre che ho citato, da bere la mattina con i cereali quando preferisce. Ogni latte ha proprietà differenti, ma la cosa che accomuna tutti è sicuramente la digeribilità. La cosa bella di queste bevande è che si possono fare anche a casa.

I vantaggi delle bevande vegetali sono quindi:

  • Niente lattosio, grassi saturi e colesterolo.
  • Grassi buoni e fibre vegetali.
  • Minor impatto ambientale.

Vorrei anche lasciarvi questa tabella che mette a confronto i valori nutrizionali dei diversi tipi di latte (vaccino e vegetale), ma anche quello vaccino e quello materno.

Vorrei concludere dicendo che una volta eliminato il latte vaccino dalla nostra dieta perderemo anche la capacità di digerirlo. Io personalmente non uso latte vaccino, ma continuo ad assumere in maniera moderata latticini. Se mi capita di mangiare troppa panna sto male, stessa cosa se mangio troppo gelato. Questo perché l’enzima del latte è inducibile. Alcuni studi sono arrivati alla conclusione che dal punto di vista della salute, rinunciare al latte non determina né problemi né carenze.

Tu perché continui a berlo? Cambiare abitudini per te stesso e per la Terra è un gesto d’amore e consapevolezza. Se provi qualche bevanda vegetale come sostitutivo del latte prediligi un prodotto biologico e italiano.

Documentari da guardare: Cowspiracy, The Milk system.

Lascia un commento