Crostata di cachi

I profumi di casa della nonna sono quelli che mi stanno più a cuore perché mi riportano indietro nel tempo, quando guardavo il mondo dal basso con gli occhi pieni di curiosità e meraviglia. Ricordo le vacanze estive dove si correva tra un giardino e l’altro dei vicini che avevano nipoti della mia età. Ricordo le corse tra le vie non trafficate, le corse in bicicletta e quelle tra i campi che circondavano la casa dei miei nonni. Mia nonna che cucinava prelibatezze, che mi insegnava a rifare il letto, che mi insegnava a cucire, che mi prestava i suoi pennelli e i suoi fogli per disegnare. Ricordo i canarini cantare nella voliera, i pesci rossi nell’aiuola di rose, le more e l’uva fragola.

Ieri avevo voglia di fare un tuffo nel passato cucinando una crostata di cachi che faceva spesso mia nonna. Per sentirla più vicina, per sorridere ad ogni morso di una fetta, per rientrare a casa la sera e sentire un profumo che ti scalda il cuore.

INGREDIENTI

  • 300 gr di farina (io questa volta ho usato farina di farro)
  • 150gr di zucchero (io uso sempre quello di canna finissimo)
  • 125gr di burro
  • 2 tuorli e 1 uovo intero
  • 1 bustina di lievito
  • scorza di limone grattugiata
  • 3 cachi maturi

PROCEDIMENTO

Unire farina e zucchero e mescolare bene, impastare aggiungendo il burro, le uova, il lievito e la scorza di limone. Formate una palla, dividetela in due parti (una più piccola circa 1/4 del totale) e stendete la parte più grande su una teglia imburrata (potete usare dell’olio al posto del burro). Se la teglia è senza bordi create il bordo con l’impasto che avete tenuto da parte altrimenti basterà rigirare all’interno il bordo. Schiacciate i cachi con una forchetta e farcite la crostata. Se resta ancora della pasta potete utilizzarla per coprire la crostata a grata. Infornate a 180°C per 30 minuti.

Lo sapevate che i profumi e gli odori vengono immagazzinati nella memoria emotiva e in quella a lungo termine? Ciò significa che l’olfatto “non invecchia”. Quale profumo vi porta a viaggiare nel passato? Fatemelo sapere nei commenti.

Potrebbe piacerti...